Io voto alle primarie del Pd perché “libertà è partecipazione”

Domenica le primarie del Pd. Un’occasione da non perdere, per militanti e simpatizzanti, di ribadire una delle differenze fondamentali tra centrosinistra e centrodestra. Basta la partecipazione per marcare il solco tra una forza politica magari litigiosa, talvolta arruffona, non sempre coerente, ma democratica e una singolare forma di partito-azienda, dove uno decide sempre e comunque per tutti (e ciononostante ancor … Continua a leggere

“Confronto” Renzi-Cuperlo-Civati: le 10 migliori battute

Il “Confronto” tra Renzi, Cuperlo e Civati su Sky: le 10 migliori battute. 1) Su Berlusconi prossimo avversario “Si presenterà come gli imprenditori dalle mie parti: Berlusconi e figli. Noi facciamo le primarie, loro faranno le ereditarie”. (Civati) 2) Sulla nuova legge elettorale “Ci sono Quagliarello e Violante che stanno scrivendo la bozza da due anni: secondo me c’è del … Continua a leggere

Alfano: “La vita del governo dipende da noi”. Ma è vero esattamente il contrario

Alfano: “La vita del governo dipende da noi”. A parte che anche il Pd e Scelta Civica potrebber fare la stessa affermazione, ho l’impressione che sia vero esattamente il contrario. E’ la vita (politica) di Alfano e del Nuovo Centrodestra che dipende dal governo. Pensate dove finirebbero l’ex maggiordomo di Berlusconi, ribellatosi al padrone, e la pletora di “traditori” che … Continua a leggere

Ma il berlusconismo non finisce oggi…

Cala il sipario su Berlusconi ma non sul berlusconismo. La decadenza del Cavaliere Pregiudicato da senatore è il probabile inizio della fine della sua parabola politica durata vent’anni. A condannarlo, però, contrariamente a quanto tentano di accreditare il diretto interessato e i suoi fan, non è stato il Senato della Repubblica ma tre diversi tribunali. A metterlo fuori dalla vita … Continua a leggere

Pinocchio-Letta, Lucignolo-Renzi e gli altri…

Per ricordare il 187° anniversario della nascita di Carlo Lorenzini (Firenze, via Taddea, 24 novembre 1826), in arte Collodi, che ricorre domani, proviamo a trasportare il suo romanzo più celebre, “Pinocchio”, al mondo della politica italiana. Pinocchio non può che essere Letta. Oddio, non è proprio un bugiardo alla Berlusconi, ma di promesse non mantenute (a cominciare dalla nuova legge … Continua a leggere

Forza Italia e la votazione a rovescio per far felice Berlusconi

Uno si sforza di prenderli sul serio. Di capire le loro ragioni (qualora ve ne siano). Di considerarli un normale partito politico. Poi vedi scene come quelle di oggi e capisci che sono irrecuperabili. Mi riferisco all’adunata del consiglio nazionale dell’ex Pdl, ora Forza Italia. Non entro nel merito delle lamentazioni trite e ritrite ascoltate nelle quasi due ore di … Continua a leggere

Ho avuto un incubo: c’era un partito con tesseramenti sospetti e battaglia fra correnti

Ho avuto un incubo. Il maggior partito italiano, candidato a guidare il Paese, avviluppato su se stesso in una battaglia precongressuale fratricida tra correnti, combattuta a colpi di tessere vecchie, nuove e “troppo” nuove. Un incubo terribile. C’era uno che diceva: “Le corte stagioni, le degenerazioni, le diatribe su improbabili pacchetti di tessere finirebbero in molti casi davanti al pretore … Continua a leggere

Crisi di governo: vediamo chi risponde alla propria coscienza e chi al padrone

Il Paese implora la prosecuzione del governo. Di un qualsiasi governo purché non si apra una crisi che soffochi i timidi vagiti di ripresa economica che, dicono, si intravedono. Dagli industriali grandi, medi e piccoli, ai sindacati, dagli economisti alla Chiesa, con l’aggiunta della stessa Europa, tutti chiedono responsabilità. Ma il Pdl non è un partito, non ha una coscienza … Continua a leggere

L’ennesima minaccia del Pdl è da laurea honoris causa in buffonate

Una laurea honoris causa in buffonate, se esistesse, andrebbe conferita immediatamente a tutti i parlamentari pidiellini o forzaitalioti (chissà come vogliono essere chiamati? anzi, chissà come il loro signore e padrone vuole che si facciano chiamare) che hanno firmato la minaccia di dimissioni di massa se verrà decisa la decadenza di Berlusconi da senatore. Tralascio le argomentazioni politiche e giuridiche … Continua a leggere

Il clou del videomessaggio di Berlusconi sta in ciò che non ha detto

Abemus videomessaggio. Dopo tanta trepida attesa, ecco il nuovo-vecchio pensiero di Berlusconi. Un quarto d’ora di blabla. La sinistra brutta e cattiva, i magistrati peggio che mai, i cittadini tartassati dal Fisco. Poi un bello spot per la riesumata Forza Italia in stile Zio Sam: I want you, con tanto di dito puntato verso il telespettatore. Infine la mano sul … Continua a leggere