Tutti gli epiteti minuto per minuto (col beep della censura): un testo di sconvolgente, involontaria, comicità

Riporto testualmente il “Comunicato ufficiale n°63 del 21 ottobre 2013” con le decisioni del Giudice sportivo relativo alle squalifiche inflitte ad alcune società per cori di discriminazione territoriale (pena sospesa per la recente introduzione della “condizionale”). E’ una lettura edificante con punte di involontaria comicità. Ci sono persino parolacce come “merda” e “bastardi” sostituite dalla sola iniziale seguita dai puntini. … Continua a leggere

Quattro riflessioni (aperte al confronto) sulla sconfitta con l’Inter

Quattro riflessioni a freddo sulla sconfitta con l’Inter, una delle più brucianti degli ultimi anni, che offro al confronto con voi lettori.  1) Uno tzunami di amarezza. Ieri la Fiorentina si è quasi suicidata, la sconfitta se l’è procurata da sola. Non siamo stati battuti dalla forza dell’avversario, né dalla sfortuna (tipo Pescara in casa lo scorso campionato) anche se … Continua a leggere

Quell’ultima vittoria, la “maledizione” Inter e la “benedizione” di Bartali

Sono passati 13 anni dall’ultima vittoria della Fiorentina con l’Inter a San Siro. Era il 7 maggio del 2000. Sembra di parlare della preistoria. Un’altra era calcistica. Ed infatti è così. In panchina c’era il Trap, al centro dell’attacco Batigol, ai vertici della società, che un paio di anni dopo sarebbe fallita, Vittorio Cecchi Gori. Per Diego Della Valle sembra … Continua a leggere

La pagella al mercato delle “sette sorelle”: bocciati e promossi

Il rifrullo di attaccanti (Gila alla Juve, Borriello al Genoa, Quagliarella alla Roma) non c’è stato. L’ultima giornata di mercato non ha offerto emozioni forti. La riprova che le trattative potevano essere chiuse senza problemi il 30 agosto, senza bisogno dei tempi supplementari per ovviare all’italica pigrizia che vede il week end intoccabile perfino per il gran ballo di fine … Continua a leggere

Curva Ferrovia a Tanturli, Borgonovo o Ciuffi? Non facciamo la classifica degli affetti

L’argomento è delicato, molto. In queste ore, sotto l’emozione per la morte di Valter Tanturli, sento molti proporre di intitolargli la Curva Ferrovia. Un riconoscimento ad un uomo che ha consacrato buona parte della sua vita alla Fiorentina. Solo qualche settimana fa, però, travolti dall’emozione per la scomparsa di Stefano Borgonovo l’intitolazione della Curva Ferrovia era stata proposta per l’ex … Continua a leggere

Torna di moda il termine “rimpasto”. Ma nessuno lo vuol pronunciare

Lo statista pidiellino Brunetta lo chiama “riequilibrio”, come quello delle gomme. Il segretario piddino (provvisorio ma non troppo) Epifani preferisce il termine “tagliando”, come quello che si fa alle auto. Ai tempi della prima Repubblica si diceva “rimpasto”. “Il rimpasto no, non l’avevo considerato”, potrebbe cantare oggi Renato Zero. Un termine da archeologia politica. Scongelato improvvisamente dal Pdl che, memore … Continua a leggere

Le dimissioni di Alfano e il ricatto-bluff del Pdl: io lo andrei a vedere

Trovo paradossale questo proclamato automatismo tra richiesta di dimissioni del ministro Alfano e caduta del governo Letta. Non si può chiede le prime per non provocare la seconda. Dove sta scritto? Quindi il vicepremier pidiellino gode di una sorta di immunità qualunque indecenza commetta? Sul caso della moglie e della figlia del dissidente Ablyazov, impacchettate e deportate in Kazakista, mi … Continua a leggere

Pietà, risparmiateci l’ennesimo insulso “cartellino viola”

Basta con questa puttanata del cartellino viola! Mi scuso per volgarità e crudezza, ma davvero un’iniziativa così insulsa, talvolta ai limiti dell’autolesionismo, non l’avevo mai vista. La Fiorentina informa che domani il riconoscimento sarà assegnato all’arbitro Rocchi che “si è distinto per la sua decisione di sospendere momentaneamente l’incontro Milan-Roma dello scorso 12 maggio (fresche l’ova) a casua dei cori … Continua a leggere

Il mio ricordo di Berlinguer: quella volta che gli strappai un sorriso

Ventinove anni fa moriva Enrico Berlinguer. Del segretario del Pci conservo fra i ricordi professionali più cari un piccolo episodio personale. Berlinguer era un tipo serioso, almeno in pubblico. Era difficile vederlo ridere. A me è riuscito. Era il 26 aprile del 1981. Nonostante la pioggia Belinguer era sul palco in piazza Santa Croce per un comizio in difesa della … Continua a leggere

Galliani e Moratti fanno impallidire Pinocchio

Sulla Settimana Enigmistica (noto periodico di cruciverba, giochi e curiosità) c’è una rubrica di successo: “Le ultime parole famose”. Di solito non sconfina nel mondo del calcio, forse per evitare l’inflazione. Ma Galliani e Moratti, rispettivamente per i casi Allegri e Stramaccioni, il primo in rampa di lancio per essere cacciato, il secondo già cassato senza pietà, si sarebbero guadagnati … Continua a leggere