L’Italia dei Cicchitti vista da un Marziano: situazione disperata ma non seria

Prendiamo un marziano, il “Marziano a Roma” di Flaiano, e facciamogli dare un’occhiata all’Italia. Vedrebbe (cito in ordine sparso): il Pdl, che sostiene il governo, ricattare il governo perché il proprio leader Berlusconi rischia di essere condannato; una mezza rissa in Parlamento come ai tempi di Pajetta e Almirante; Standard & Poor che declassa il rating del’Italia nonostante i goveno … Continua a leggere

Grillo, chi di astensionismo ferisce…

Domanda: come mai Grillo tenta di delegittimare il voto (quello amministrativo che lo ha visto polverizzato) evidenziando l’alto numero di astensioni, ma non valuta con la stessa rilevanza le astensioni in casa propria? Sì, perché la senatrice Adele Gambaro è stata cacciata dal movimento grazie al voto di una minoranza, non di una maggioranza. Avevano diritto al voto 48.292 iscritti … Continua a leggere

Pilato si era affidato alla “Rete” ben prima di Grillo

Trasparenza intermittente. Come un lampeggiante della polizia. Il M5S prima annuncia la diretta streaming del processo alla senatrice Gambaro, rea di aver contestato Grillo, poi fa retromarcia. La discussione tra i parlamentari si fa a porte chiuse. Comodo aprirsi al giudizio universale quando si ha la convinzione di fare bella figura e lavare i panni sporchi in casa quando ci … Continua a leggere

Lisca, gassata o… Enrico Letta

La soluzione Amato sarebbe stata troppo conservatrice. Quella Renzi forse troppo spregiudicata. Liscia, gassata o… Enrico Letta. Il presidente Napolitano ha scelto di affidare la formazione del nuovo governo all’esponente del Pd, cercando di dare la tempo stesso un segnale di rinnovamento, ma non di stravolgimento. Letta è stato a suo tempo un “ragazzo prodigio” della scena politica italiana (come … Continua a leggere

La partita del Quirinale: le pagelle

Bersani 0 – Le prova tutte e, violentando il calcolo delle probabilità, non ne azzecca una. Sbaglia i tempi, i modi, i nomi. Ne busca da destra e da manca. Cova le serpi in seno e non se ne accorge. Prende un duro colpo, resta piegato a terra e tutto lo stadio canta: “Devi morire”. “Non siam mica qui a … Continua a leggere

Bersani lasci, prima di prendere lo scacco matto

Sulla scacchiera di Bersani non ci sono più mosse vincenti. Su Marini ha già fatto una figuruccia, l’eventuale elezione al quarto scrutinio non la ridimensionerebbe e gli consegnerebbe un partito metà in rivolta e metà sotto choc. Meglio lasciar perdere. Se punta su Prodi rompe con Berlusconi e fa sorridere Renzi, che è l’ultimo dei suoi desideri. Se fa convergere … Continua a leggere

Marini presidente: il Pd ha perso il contatto con la realtà

Allora il Pd non ha capito niente! Bersani è improvvisamente diventato sordo e cieco. Muto no, perché straparla in continuazione dichiarando che lui mette davanti a tutto il bene del Paese e non il suo. Bugiardo! Ha cercato pervicacemente l’accordo con Berlusconi sul Capo dello Stato, per avere una nuova possibilità di provare a fare un governo di minoranza. Marini, … Continua a leggere