Cuadrado squalificato: ecco l’ottusa motivazione del giudice sportivo

Più ci si addentra nella giungla della normativa sportiva più si scoprono paradossi incredibili. Il caso Cuadrado (foto Galassi) ne è un esempio da manuale. Il giudice sportivo non ha ritenuto neanche di esaminare il ricorso della Fiorentina con la richiesta di prova televisiva per dimostrare l’insussistenza della simulazione. Il diniego è così motivato: “La vigente normativa consente alla società … Continua a leggere

Squalificato per un moccolo usando la prova tv. Il buon senso? Chiuso in un cassetto

Il giudice sportivo ne ha combinata un’altra delle sue. Utilizzando la prova televisiva e tenendo accuratamente chiuso in un cassetto il buon senso, ha squalificato per una giornata il giocatore Luca Siligardi del Livorno perché dopo aver sbagliato un gol “recriminando con se stesso” ha usato “un’espressione blasfema”. Non sono cattolico ma non ho alcuna indulgenza per le bestemmie che … Continua a leggere

Cori di discriminazione territoriale: alcune squadre sono “favorite”

Premessa: i cori contro i napoletani non mi piacciono. Non contengono ironia, sono solo frutto di ottuso becerume. Però mi riesce difficile incasellarli comunemente nelle forme di razzismo (anche se in qualche caso c’è questo elemento). Diverso è il caso dei buu ai giocatori di colore, inaccettabili e da sanzionare in modo durissimo. Qualcuno chiederà: dove sta scritta questa differenza? … Continua a leggere

Tutti gli epiteti minuto per minuto (col beep della censura): un testo di sconvolgente, involontaria, comicità

Riporto testualmente il “Comunicato ufficiale n°63 del 21 ottobre 2013” con le decisioni del Giudice sportivo relativo alle squalifiche inflitte ad alcune società per cori di discriminazione territoriale (pena sospesa per la recente introduzione della “condizionale”). E’ una lettura edificante con punte di involontaria comicità. Ci sono persino parolacce come “merda” e “bastardi” sostituite dalla sola iniziale seguita dai puntini. … Continua a leggere

Crisi di governo: vediamo chi risponde alla propria coscienza e chi al padrone

Il Paese implora la prosecuzione del governo. Di un qualsiasi governo purché non si apra una crisi che soffochi i timidi vagiti di ripresa economica che, dicono, si intravedono. Dagli industriali grandi, medi e piccoli, ai sindacati, dagli economisti alla Chiesa, con l’aggiunta della stessa Europa, tutti chiedono responsabilità. Ma il Pdl non è un partito, non ha una coscienza … Continua a leggere

Inter-Fiorentina 2-1: io l’ho vista così

La Fiorentina gioca complessivamente meglio dell’Inter, crea più occasioni da gol ma perde la partita. Dispiace dirlo, ma il responsabili principe di questa sconfitta è Montella, magari insieme a Ilicic. L’allenatore, dopo che i viola sono passati in vantaggio, decide di togliere Rossi, l’unico vero attaccante, per Ilicic. Il segnale psicologico alla squadra è devastante. La Fiorentina perde immediatamente il … Continua a leggere

L’ennesima minaccia del Pdl è da laurea honoris causa in buffonate

Una laurea honoris causa in buffonate, se esistesse, andrebbe conferita immediatamente a tutti i parlamentari pidiellini o forzaitalioti (chissà come vogliono essere chiamati? anzi, chissà come il loro signore e padrone vuole che si facciano chiamare) che hanno firmato la minaccia di dimissioni di massa se verrà decisa la decadenza di Berlusconi da senatore. Tralascio le argomentazioni politiche e giuridiche … Continua a leggere