Forza Italia e la votazione a rovescio per far felice Berlusconi

Uno si sforza di prenderli sul serio. Di capire le loro ragioni (qualora ve ne siano). Di considerarli un normale partito politico. Poi vedi scene come quelle di oggi e capisci che sono irrecuperabili. Mi riferisco all’adunata del consiglio nazionale dell’ex Pdl, ora Forza Italia. Non entro nel merito delle lamentazioni trite e ritrite ascoltate nelle quasi due ore di comizio di Berlusconi. A quelle ormai siamo più che vaccinati. Ma richiamo l’attenzione sulle modalità della votazione finale. Da che mondo è mondo ogni votazione che si rispetti prevede questo iter: si chiede chi è a favore, chi è contrario e chi si astiene. Invece abbiamo assistito ad una sorta di sceneggiata pro-capo condotta dallo showman Brunetta. Salito sul palco, con alle spalle un incombente Berlusconi (il che è tutto dire), il capogruppo Pdl alla Camera ha chiesto prima di tutto se c’erano astenuti, poi se c’erano dei contrari (figuriamoci) e infine chi votava a favore. Il tutto allo scopo di ottenere l’ovazione, tutti a mano alzata, per il leader provato e commosso. Uno spettacolo penoso. Qualcuno obietterà che dietro quella platea osannante ci sono i voti di milioni di italiani. E’ vero. Ma di votazioni “bulgare” e di folle adoranti, nel corso della storia passata e recente, in Italia e nel Mondo, ne abbiamo viste molte. Ed è proprio per rispetto di quei milioni di italiani che evito di ricordare in quali circostanze.

Se vuoi lasciare la tua opinione clicca qui sotto su “commenti”

Forza Italia e la votazione a rovescio per far felice Berlusconiultima modifica: 2013-11-16T16:00:00+01:00da framat55
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Forza Italia e la votazione a rovescio per far felice Berlusconi

Lascia un commento