Caso-Balotelli: Caro Renzi, il “vaffa” è un diritto

Caro sindaco Renzi, lei usa spesso modi di dire fiorentini, ironici ed efficaci, per esemplificare particolari situazioni. Bene, allora le dico che sul caso Balotelli lei ha pisciato fuori dal vaso. Ho apprezzato e sostenuto sul mio blog molte delle sue iniziative politiche. Ad iniziare dalla rottamazione e dal testa a testa con Bersani. Non posso, quindi, essere tacciato di antipatia nei suoi confronti. Però questa volta la fretta di intervenire su una vicenda che ha sollevato un enorme polverone di polemiche strumentali, le ha fatto fare un passo falso. Al di là dei racconti di parte sulla contestazione al Milan alla stazione di Campi di Marte, c’è solo il filmato messo in rete dal sito Fiorentinanews.com e ripreso da tutti gli organi di informazione. Lei, o chi per lei, avrebbe fatto bene ad ascoltarne l’audio con attenzione. Non c’è un solo insulto razzista. Si sente il classico vociare di una piccola folla inferocita, ma nessun ululato. La telefonata di scuse a Balotelli, un esempio sì, ma negativo di come ci si comporta in campo e fuori, mi permetta, è una vera porcata a Firenze e alla Fiorentina. L’attaccante del Milan ha tutta la mia solidarietà, nonostante goda anche di tutta la mia antipatia, quando viene attaccato per il colore della pelle. Ho teorizzato, scrivendolo e prendendomi gli insulti, che penalizzerei in classifica le squadre i cui tifosi fanno cori razzisti (non solo contro Balotelli, ovviamente), per spezzare l’omertà dei tanti, che permette il libero sfogo a queste forme di inciviltà di pochi. Però non ho percepito razzismo nella contestazione di domenica notte. Solo l’esercizio di un diritto incontestabile che dovrebbe essere inserito nella nostra Costituzione. Il “diritto di vaffa”, a cui lei, con tutto il rispetto, si è spericolatamente esposto. 

Caso-Balotelli: Caro Renzi, il “vaffa” è un dirittoultima modifica: 2013-05-21T11:38:00+02:00da framat55
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “Caso-Balotelli: Caro Renzi, il “vaffa” è un diritto

  1. Francesco, nel filmato gli ululati ci sono, anche se solo per 2-3 secondi. Ascolta attentamente da 0.07 a 0.10.

    Smettono quasi subito ma ci sono.

  2. Mah, ho riascoltato per l’ennesima volta. Io ululati distinti non ne sento. C’è un gran casino e offese varie. Fare l’autopsia al filmato per individuare un possibile frammento di buu mi sembra eccessivo anche per uno come me che della battaglia contro il razzismo negli stadi ne fa un punto di principio.

    • Sicuramente, come sicuramente sono solo 2-3 e nemmeno tutti i 30mila (ah no, erano solo 30) dell’ “Agguato” al Milan.

      Volevo solo precisare che per una manciata di secondi io gli ululati li ho sentiti. Il resto del tuo messaggio non fa una grinza. C’hanno teso una trappola mediatica e noi siamo stati allocchi.

  3. Nessun insulto razzista? Forse sarà sordo.. si sentono chiaramente i buuu come il verso delle scimmie. negare l’evidenza come si fa?

  4. considero la questione dei buuuu a balotelli come l’esempio massimo dell’ ipocrisia. ma guardatelo come si comporta questo giocatore… pensate che gli interessi se gli fanno buuuu??? gli dispiace perchè si sente offeso per il colore della pelle? ma per favore! uno che offende tutti (pubblico compreso), che non rispetta mai le regole sportive (guardate siena), niente e nessuno, pensate che possa mai sentirsi offeso per questo “razzismo”? andate a chiedere ai vu cumpra cos’è il razzismo non a balotelli. Francesco hai pienamente ragione.

I commenti sono chiusi.