Catania-Fiorentina, sfida senza “cervelli”

Noi senza Pizarro (probabilmente), loro senza Lodi (sicuramente). Catania-Fiorentina sarà una sfida senza “cervelli”. La spunterà la squadra più duttile, quella che saprà sopperire meglio all’assenza di chi ispira le giocate vincenti. Il Catania, dicono, forse si affiderà al fiorentino Biagianti, che non è un vero regista ma può provarci. I viola metteranno in atto la consueta “regia mobile”, la cui ricetta è ormai nota: abbondante Borja Valero, un pizzico di Aquilani, Gonzalo Rodriguez quanto basta. Migliaccio? No, Migliaccio farebbe ammosciare la spumosa panna viola.

Come alternativa c’è sempre il lancio a lunga gittata che scavalca il centro campo per finire direttamente sui piedi o sulla testa di Toni. Però si è visto che queste espediente non offre prospettive illuminanti. Soprattutto se il compagno di linea della Torre-Luca è l’Alfiere-Jovetic, sempre su caselle molto lontane dal centravanti. E poi, ammettiamolo, il lancione è l’antitesi del gioco orchestrato e partecipato messo in campo da Montella. Uno stravolgimento tattico ed estetico. Fra l’altro non c’è neanche il conforto del risultato. E’ vero che col Napoli è stato proprio un lancione di Roncaglia a finire in rete, ma non ci sarà sempre il portiere avversario che si scontra col proprio difensore ad aprire la via del gol. Anzi del gollonzo. Però è pur vero che il gioco della Fiorentina non coglie più di sorpresa gli avversari. Questo capita anche quando è in campo Pizarro, che dà un personale contributo di estro e imprevedibilità al gioco, figuriamoci senza.

Spero che Montella, in questa settimana senza impegni infrasettimanali, abbia avuto il tempo, insieme al suo staff, di inventarsi la contromisura alle contromisure degli avversari. Già, a proposito di staff. Anche sui calci piazzati la Fiorentina ultimamente è un po’ meno letale. Mi appello allo stratega Gianni Vio e al suo sconfinato elenco di modi per battere corner e punizioni. Ma occorre qualche trovata fresca di stagione. Niente soluzioni  scongelate dal freezer degli schemi. Quelli a Catania li conoscono tutti.

(Il mio editoriale andato in onda nel Pentasport di Radio Blu)

Catania-Fiorentina, sfida senza “cervelli”ultima modifica: 2013-01-25T19:08:32+01:00da framat55
Reposta per primo quest’articolo