La pagella del mercato

Proviamo a fare una disamina a mente fredda (dicamo tiepida) di come è andato il mercato della Fiorentina. Portiere: voto 8 Di meglio era difficile trovare. Viviano non è Buffon (ma di altri Buffon in giro non ce n’é), però è un ottimo portiere. In più ha il merito di avere dna viola nel sangue. Per una squadra che aveva … Continua a leggere

Se non ora, quando?

Toh chi si rivede? “Toni e furmini”. C’eravamo lasciati, con un po’ di freddezza, cinque anni fa. Lui voleva vincere qualcosa e dopo aver desiderato l’Inter, scontrandosi con il niet di DDV, finì al Bayern. Un anno sotto i riflettori, poi l’oblio della mediocrità. Né sono riusciti a risollevarlo le esperienze successive: Roma, Genoa, Juve, Al-Nasr. Ora torna in viola, … Continua a leggere

Il giorno più lungo

Il giorno più corto del mercato, alle 19 si tira giù il bandone, per la Fiorentina sarà il più lungo. Dopo una campagna acquisti e cessioni scoppiettante, con ingaggi pirotecnici, la maggior parte dei quali totalmente inaspettati come quelli di ieri, il sottile discrimine tra un mercato di successo o meno passa dall’ultimo acquisto: la punta. Ieri sono arrivati Migliaccio … Continua a leggere

Berbatov convinto dalla minaccia di dormire sul divano

Esclusivo Grazie all’intercettazione telefonica della moglie Elena, siamo in grado di svelarvi il retroscena del doppio voltafaccia di Berbatov. Ecco la registrazione della telefonata: – Pronto Patty, Dimitar si è accordato con la Fiorentina, vado in Italia, in Florence, a Firenze! – Beata te Elena, pensa che io devo restare qui alla bruma perenne e al puzzo di pesce marcio … Continua a leggere

Grande attaccante, piccolo uomo

Grande attaccante ma piccolo uomo. Peccato, Berbatov poteva essere il giocatore giusto per questa Fiorentina, ma con il suo comportamento ha dimostrato che non sarebbe stato l’uomo giusto. Di doppiogiochisti, di gente straricca che continua a guardare solo all’euro in più, di uno che non rispetta gli accordi solo perché per una questione di distanza chilometrica non ha ancora firmato … Continua a leggere

Giallo Berbatov: chi non salta…

Ripicca, vendetta, come altro definire l’intromissione estemporanea della Juve nella trattativa, ormai conclusa, tra Fiorentina e Berbatov. I bianconeri ci vogliono far pagare il no alla cessione di Jovetic? Non ci può essere altra spiegazione. Complimenti alla Juve per lo stile. Dopo il bagno di umiltà a cui i bianconeri erano stati costretti con la retrocessione in serie B, lo … Continua a leggere

Ciao Vargas, ciao Savic

Anche Vargas pare sia con le valige in mano. Francamente non ci speravo. Non sappiamo ancora i dettagli dell’operazione col Genoa, ma mi interessano pochissimo. L’importante era liberarsi dell’ultimo esponente di una Fiorentina all’insegna dell’indolenza, delle ore piccole, delle smargiassate, delle alzate di capo e del pessimo rendimento in campo. La coppia Pradè-Macia è riuscita in un’operazione di ripulisti più … Continua a leggere

The Guardian, Savic e il “torrid time”

Secondo il quotidiano di Manchester The Guardian, la cessione di Nastasic dalla Fiorentina al City è cosa fatta. Secondo The Guardian la società viola incasserà 12 milioni di euro e avrà Stefan Savic. Del 21enne difensore montenegrino, il quotidiano inglese dice che non ha avuto un buon impatto col pubblico del Manchester City. In particolare ricorda la semifinale di Curling Cup … Continua a leggere

Dal tormentone al tormentino

Chiuso il tormentone Jovetic si apre il tormentino Nastasic? Insomma, pare proprio che la Fiorentina alla fine debba lasciar partire un giocatore che, in cuor suo, non avrebbe voluto cedere. Quanto farebbe male perdere Nastasic? Abbastanza. Un po’ perché il ragazzo è già più che una promessa e ha solo 19 anni; un po’ perchè sembra essere un professionista più … Continua a leggere

JoJo si rilassa facendo la spesa

Giornata al’insegna della piccola economia domestica per Stefan Jovetic. Mentre il suo procuratore gira il mondo raccattando paccate di milioni per cercare di strapparlo alla Fiorentina, che non ha alcuna intenzione di abboccare, lui sembra non risentire delle tensioni da calcio-mercato, né dei trionfi da doppietta all’Udinese. Ieri mattina intorno a mezzogiorno è andato a fare la spesa all’Esselunga di via … Continua a leggere